In questi 2 mesi di “domiciliari” più volte ho avuto modo di pensare al mio ieri, al mio oggi, al mio domani.

Spesso pensavo durante la mia ora giornaliera di corsetta intorno al mio palazzo; era quasi una piccola meditazione: correre e pensare, correre e pensare.
Questa mia attività quotidiana mi ha portato a elaborare 4 azioni per poter rinascere dal periodo pre quarantena.

Specifico pre quarantena perché tutti abbiamo avuto un rallentamento della nostra vita in tutti gli ambiti, e diciamoci la verità: avevamo bisogno di rallentare.

Quattro azioni come le gambe che sorreggono una sedia o un tavolo. 4 azioni dell’equilibrio. 4 azioni per il benessere.

  1. PRENDERE TEMPO PER SE STESSI.
    Sembra una cosa banale ma se riflettiamo dedichiamo poco tempo per noi stessi. Invece, dedicare qualche ora alla settimana al proprio benessere ci aiuta a sentirci meglio ed a piacerci di più. Automaticamente piacciamo più agli altri e si innesca un meccanismo di positività che potrebbe portarci a sistemare qualche piccolo lato negativo della nostra vita. Dal lavoro alla sfera privata.
  2. PICCOLE COSE CON COSTANZA.
    Di certo non scopro l’acqua calda ma spesso ce ne dimentichiamo. I grandi cambiamenti partono da piccole azioni giornaliere.
    Attraverso l’alimentazione e attività fisica leggera ogni giorno, possiamo dimagrire 2kg al mese che in un anno sono 24kg. 15 minuti di lettura al giorno sono 1-2 libri al mese. Non mettiamo troppa carne al fuoco, poche cose ma fatte bene e con costanza. Piccoli passi per un grande risultato.
  3. CREIAMO VALORE.
    Sicuramente è il punto più difficile da capire perché è lo spostamento di qualcosa di tangibile a qualcosa di intangibile.
    Mangiare e comprare tanta verdura ha un costo/valore economico. Ma quando la bilancia dice che pesiamo meno, beh é un valore non quantificabile con unità di misura. Quando facciamo un regalo abbiamo creato del valore come la felicità che non è misurabile.
    Non voglio che passi un concetto economico però. Se noi abbracciamo o ringraziamo in maniera sincera una persona, stiamo creando un valore in questo caso affettivo che ripeto non ha prezzo.
  4. RITORNO AL FUTURO.
    Cito uno dei miei film preferiti. Il lavoro e la tecnologia vanno avanti in maniera fin troppo veloce. Credo però che dovremmo guardarci indietro, fare piccole e semplici cose che facevamo un tempo. Una di queste è parlare. Social mail e whatsapp ci fanno messaggiare, dovremmo invece tornare a parlare molto di più.
    Riscopriamo il vicino di casa, che potrebbe diventare un buon amico. Facciamo colazione col proprio partner, una piccola passeggiata in quartiere, giocare a carte in terrazzo, un Pic nic al parco . Rallentiamo la nostra vita, torniamo alle cose semplici e facciamo cose che ci piacciono, perché ricordiamoci che volendo i soldi possono essere infiniti, ma il tempo invece ha una scadenza….

Questi sono i miei 4 pilastri per la rinascita o il benessere dal periodo pre quarantena.
Sono 4 azioni non semplici da attuare, ma che sono connesse una con l’altra.
Facendone volontariamente metà magari ci accorgiamo che le stiamo facendo tutte.

Non dico che siano la verità assoluta o che sono applicabili a tutti, penso però che ognuno potrebbe pensare alle proprie azioni per il benessere.

Tengo a specificare solo una cosa: iniziamo!

Non diamoci delle scuse, non procrastiniamo. Il futuro è tra un secondo.